DETTAGLIO ARTICOLO

LA BARZELLETTA MARCIANISE. Targhette pubblicitarie su due fontane storiche vincolate dalla Soprintendenza

E la manutenzione sulle opere d'arte sarà effettuata da ditte non specializzate


 

 

MARCIANISE – Com’è noto, la delibera sulla concessione delle aree pubbliche marcianisane, (scelta apprezzabilissima per quel che riguarda le rotatorie cittadine, molte delle quali già affidate a privati e per questo manutenute e piacevolmente “vestite a festa” nelle trascorse feste pasquali) contiene l’elenco di tutte gli spazi da destinarsi allo scopo.

Tra questi saltano all’occhio le due fontane monumentali di piazza Umberto I e di piazza Carità, che, nelle intenzioni dell’amministrazione Velardi, dovrebbero essere affidate in cambio di manutenzione ordinaria e con la concessione, per il privato, ad apporre una targa pubblicitaria (come avviene, appunto, per le rotatorie).

Ora, ciò che fa storcere il naso sulla scelta di inserire nell'elenco anche i due monumenti è la mancanza di opportunità nell’affidare al “primo arrivato” due fontane che rappresentano senza tema di smentita opere di testimonianza storica e artistica di indicibile valore.

Nel caso della fontana di piazza Umberto I, per esempio, parliamo di un monumento storico di pregevole fattura, realizzato nel 1794 da Gaetano Barba, concesso a Marcianise da Ferdinando IV di Borbone e costruito perchè la città potesse usufruire dell’acqua potabile proveniente dalla Reggia di Caserta.

Lo stesso può dirsi della fontana dei delfini “sull’Annunziata”, opera datata fine XVIII secolo che, insieme alla “Statua della Carità” di Onofrio Buccini, è certamente uno dei monumenti più importanti della città di Marcianise. 

Particolare non trascurabile è quello che entrambe le fontane sono soggette ai vincoli di tutela della Soprintendenza ai Beni Culturali.

Ne risulta, allora, che la manutenzione delle stesse non può certo essere curata da chi non è specializzato nel trattare opere artistiche e materiali pregevoli come il marmo che le compone.

In più, ve la immaginate una targhetta pubblicitaria recante il nome di una ditta pincopallino su un monumento borbonico?