Cronaca Nera

Angelo Grillo, THE END. Così parlava delle sue imprese. Ma forse altri soldi li ha portati all'estero

Nel giorno della confisca, andiamo a rievocare qualcuna delle migliaia e migliaia di intercettazioni, a cui è stato sottoposto l'imprenditore di Marcianise


MARCIANISE - Nel giorno della confisca e dunque del passaggio definitivo allo stato del mega patrimonio dell'imprenditore di Marcianise Angelo Grillo, si può assumere una delle tantissime intercettazioni, da noi pubblicate nei mesi scorsi, come elemento emblematico del rapporto che Grillo aveva con le sue ricchezze. "Ho 10/11 società tutte così...le vedi queste macchine della vigilanza, sono tutte le mie, e sopra ho due uffici appartati". Questo diceva l'imprenditore a uno dei tantissimi interlocutori che scarrozzava nella sua vistosissima auto. E' possibile, anzi è probabile ciò che lo stato ha confiscato a Grillo non sia effettivamente tutto il suo patrimonio e che parte di questo si trovi, per ora, al sicuro, in qualche banca estera o in qualche paradiso fiscale. "In Lussemburgo.... ti dissi del fatto i quell'assegno e cose varie...l'assegno di quelli là". Lussemburgo è uno di quei luoghi in cui banche e fondi custodiscono serbati da "opportuni" prestanomi, tanti patrimoni illeciti di canaglie e mezze canaglie italiane. Red. Cro.