Politica

CASERTA. Villetta di via Avellino, la consigliera Corvino: "L'abbiamo ripulita, pronti a gestirla"

L'esponente del CD contraria all'idea dei chioschi commerciali. Le fa eco il suo collega Roberto Peluso: "Affidarla a un'associazione potrebbe essere una buona idea"


Roberto Peluso e Mirella Corvino Roberto Peluso e Mirella Corvino   La consigliera Mirella Corvino esprime la sua opinione in merito alla vicenda riguardante la villetta di via Avellino, un tempo oggetto di degrado: "Noto con piacere l'interessamento dell'opposizione sulla questione riguardante la villetta di via Avellino, oramai  da tempo interdetta al pubblico per effetto del provvedimento della competente Autorità Giudiziaria. In particolare si ipotizzò l’apertura solo nel caso in cui ci fosse stata la disponibilità di un custode a garantire presidio quotidiano provvedendo alle operazioni di ingresso mattutino e di chiusura serale. Noi come centro democratico, insieme al nostro assessore all'ecologia Camillo Federico, abbiamo provveduto alla pulizia ed alla manutenzione della villetta. Abbiamo anche ascoltato le tante istanze dei residenti che ci chiedono ragione del motivo per cui questo spazio pubblico sia ancora chiuso. Dopo le mie spiegazioni ho registrato la disponibilità di molti cittadini a conferire il proprio contributo per riconsegnare la struttura al pubblico. Preciso che, qualora il sindaco dovesse dichiararsi d'accordo, per quanto mi riguarda non ci sono problemi in merito alla sua riattivazione. Ciò nonostante sono contraria ad alcune proposte dell'opposizione per l'eventuale affidamento della struttura a commercianti per l'attivazione di chioschi. Ritengo che la riapertura della villetta per scopi puramente commerciali comporterebbe un immediato disagio tra gli altri negozi limitrofi che potrebbero veder lesi i propri interessi. Per tale motivo la villetta deve essere riconsegnata a tutti i cittadini quale semplice meta ricreativa". Alla voce della dott.ssa Corvino si aggiunge quella del suo collega Roberto Peluso che dichiara: "Considerato che si va incontro all'estate, la villetta potrebbe essere meta gradita di bambini e anziani che potrebbero utilizzarla a scopo ricreativo. Mi auguro che ne venga fatto un uso adeguato, magari affidandola a qualche associazione del posto che la renda agibile per l'intera cittadinanza".