Cronaca Nera

AVERSA. Ex dipendenti GeoEco con il quinto dello stipendio pignorato: infuria la protesta

Una vicenda che si trascina da anni


AVERSA - Infuria la protesta degli ex operatori GeoEco, oggi dipendenti della Senesi. Stipendi pignorati per una finanziaria non estinta con i soldi del TFR, gli operai chiedono il nostro aiuto, per un appello dipserato alle istituzioni. Stamani, infatti, abbiamo recepito le istanze e raccolto l'appello dei lavoratori, capeggiati dall'ex consigliere comunale Salvatore Della Vecchia, (lo abbiamo intervistato telefonicamente), che da 7 anni sono in attesa di avere risposte concrete dai vertici del Consorzio ex GeoEco. Di recente ci dicono, sempre i lavoratori, che hanno subito il pignoramento del 5° dello stipendio che percepiscono dalla Senesi, per un debito maturato con una finanziaria, con la quale anni addietro avevano avuto un prestito a garanzia,  per il passaggio di cantiere dalla GEOECO alla ditta privata. Negli anni dalle buste paga venivano scorporati tra i 300 e i 700 euro dallo stipendio per il pagamento della rata del prestito. Successivamente quando il Consorzio fu sciolto, gli oltre 20.000,00 euro, di TFR, anzicchè essere liquidati al dipendente, venivano trattenuti per  estinguere il debito-prestito, questo sulla carta, ma in realtà questi soldi, ci dicono i lavoratori, non solo non sono stati mai versati per il pagamento delle rate del prestito, ma oggi il loro stipendio ha subito 2 pignoramenti di 1 quinto, pagando così il doppio del debito. Inoltre sempre secondo quanto ci hanno riferito, vengono considerati anche cattivi pagatori, e non possono accedere a richieste di prestiti e mutui. Molti lavoratori, dunque ci hanno ribadito che hanno avuto gravi ripercussioni, alcuni non hanno potuto acquistare casa, nonostante lo sfratto, alcuni addirittura per la tensione nervosa accumulata sono stati anche ricoverati, come è capitato, per esempio al signor Monaco. A questo punto sono stati presentati degli esposti. Nella stessa barca risulterebbero esserci 30 lavoratori. La risposta che hanno incassato in questi anni sembra essere sempre la stessa. "I soldi non ci sono e i Comuni sono morosi, e quindi la situazione rimane così sospesa". Vi è di più i lavoratori denunciano anche altre anomalie, tra cui il fatto che mancherebbe all'appello il versamento di due anni dei contributi: per il biennio 2009/2010, nonché ci sarebbero anche dei problemi con gli straordinari. Siamo certi che la storia avrà ulteriori risvolti, che seguiremo con molta attenzione. Lidia de Angelis   statino paga