Cronaca Bianca

MARCIANISE. Dopo 40 anni la "casa sul marciapiede" sarà abbattuta. 10 giorni ai Buonocore per..

Antonietta Buonocore, anziana residente dell'immobile abusivo, ha risposto così


MARCIANISE - Dieci giorni per lasciare l'immobile abusivo, che dovrà poi essere abbattuto. Questa l'ordinanza del sindaco dalla quale è stata raggiunta, ieri pomeriggio, la signora Antonietta Buonocore, residente, insieme alla sua famiglia, nella "casa sul marciapiede" nella rotonda del Liceo "Quercia".

Potrebbe liberarsi presto, dopo quarant'anni di occupazione abusiva, quell'area di suolo comunale, il marciapiede appunto, sulla quale è stata impiantata una casa vera e propria, nella quale sono nate e vissute almeno un paio di generazioni della famiglia Buonocore.

In calce potrete leggere il testo integrale dell'ordinanza di sgombero emessa dal primo cittadino, alla ricezione della quale la signora ha risposto con la lettera che riportiamo di seguito, protocollata questa mattina al Comune di Marcianise.

In sostanza, la donna si dichiara disponibile all'abbandono dei locali, a patto che il Comune la aiuti a trovare una nuova abitazione in cui stare: "Nessuno ci vuole affittare la propria casa - scrive - perchè la gente ha paura di noi".

Il testo integrale della lettera: "Io sottoscritta Buonocore Antonetta, pensionata, occupante dei locali che si trovano all'incrocio con Viale della Pace, ho con la presente a dichiarare quanto segue:

Mi è stata portata dai Vigili Urbani, ieri pomeriggio, l'ordinanza di sgombero dei locali dove la mia famiglia vive da circa quaranta anni.
Mentre io non sapevo nulla di questa lettera sui giornali e sui telefoni la notizia già era apparsa e questo non sta bene per una questione di correttezza.
Non voglio fare polemiche e vi dico fin da subito che quei locali io e la mia famiglia li vogliamo liberare però di certo non possiamo andare a vivere in mezzo alla strada e sotto i ponti avendo anche due bambini minorenni e siamo pronti a fittarci una casa.
Abbiamo sempre pagato luce e gas e mai abbiamo approfittato del Comune di Marcianise, a differenza di tutte le menzone che sono state dette.
Da circa 6/7 mesi, da quanto il Comune ha deciso che dovevamo andare via, ci siamo messi alla ricera di una casa da fittare che ad oggi non abbiamo trovato perchè forse la gente ha paura di noi e preferisce fittare agli stranieri che forse sono più bravi di noi.
Vi chiedo un aiuto per trovare una casa da fittare perchè diversamente non possiamo fare. Non vi chiedo soldi o lavoro ma vi chiedo un aiuto a trovare una casa.
Invito il sindaco, la giunta e i consiglieri a darci una mano garantendo fin da subito che un minuto dopo che abbiamo fittato la casa siamo pronti a liberare i locali dove attualmente stiamo".