Politica

MONDRAGONE. Schiappa dà i soldi a don Franco Alfieri che gli organizza il suo anno santo e la peregrinatio dell’Incaldana in piena campagna elettorale

Don Franco Alfieri, la Madonna Incaldana e Giovanni Schiappa

4 mila euro con una determina pubblicata nell'albo pretorio mercoledì scorso 12 aprile


MONDRAGONE - Senza soffermarsi più di tanto sulle ultime novità delle delibere e delle determine pubblicate nell'albo pretorio on line del comune di Mondragone, visto e considerato che la solfa è sempre la stessa, cioè l'utilizzo del pubblico danaro per gratificare chi poi può darti un ritorno in termini politico elettorali, non si può non sottolineare i 4 mila euro che il comune attribuisce attraverso una locuzione formale e rituale alla disponibilità di don Franco Alfieri, sacerdote molto secolare e poco spirituale, di cui questo giornale si è occupato più volte.

Dopo la festa del lunedì di Pasquetta, l'immagine della Madonna Incaldana, patrona di Mondragone, comincerà un giro che qui non è delle proverbiali 7 chiese, ma siccome i mondragonesi "sono un'altra cosa" e "mettono semp a copp" è delle 8 chiese. Storicamente questo pellegrinaggio avviene in coincidenza degli anni santi.

Però, anche in questo caso Mondragone dall'alto dell'autorevolezza della sua storia, costituisce una cattedra che le consente di crearsi un anno santo suo, cioè diverso da quello proclamato dai papi. Per questo motivo, il 2016, che Papa Francesco ha voluto come giubileo della misericordia, a Mondragone è stato un anno di attesa perchè il Papa locale, cioè don Franco Alfieri, ha deciso che l'anno santo di Mondragone ci sarà quest'anno.

Conseguenza immediata lo spostamento del pellegrinaggio dell'Incaldana dalla canonica e storico collegamento con il Giubileo di Santa Romana Chiesa al nuovo collegamento con il Giubileo di don Franco Alfieri il quale, evidentemente, deve aver fatto digerire la cosa al mio amico e conterraneo vescovo di Sessa Aurunca-Mondragone don Franco Piazza.

L'anno santo di Mondragone coincide anche con le elezioni comunali. Abbiamo intenzione, al riguardo, di chiedere all'amico don Franco che prima di essere vescovo è un valente, anzi valentissimo teologo se esiste qualche relazione e qualche correlazione tra esercizio del potere spirituale ed esercizio del potere temporale.

Insomma, se c'entra qualcosa l'inizio del pellegrinaggio della Madonna Incaldana nelle 8 chiese di Mondragone con il fatto che questi sono anche i giorni in cui è iniziata una dura e tesa campagna elettorale in vista della consultazione amministrativa del prossimo 11 giugno.

Parlare di inopportunità in quella che è stata comunque una scelta discrezionale di don Franco Alfieri che non ha mai nascosto di essere fortemente schierato politicamente con il sindaco Schiappa, è dire poco.

Ma Mondragone vive da anni questa commistione indiscreta tra politici locali e questo sacerdote, tra le altre cose vicario diocesano, molto più attento, ripetiamo, agli affari del secolo che a quelli dell'anima.

G.G.