Economia e Territorio

CASERTA. Il Mappino trasforma l'ufficio finanze del Comune capoluogo nel direttorio della Bundesbank, ma Santonastaso "accocchia" un'altra figuraccia non presentando in tempo il questionario per i trasferimenti dello Stato

In calce all'articolo il link per accedere all'elenco dei comuni inadempienti


CASERTA - Vanno a piangere da il Mattino, il quale una marchetta non la nega a nessuno, beninteso quando si tratta di potenti, di persone che hanno la possibilità di decidere qualcosa, di determinare. E così, stamattina, abbiamo letto l'impossibile, un'espressione paradossale che, per dirla alla romanesca maniera, a Kafka glje fai 'na pippa, in cui l'ufficio finanziario dal Comune, quello guidato da Girolamo Santonastaso viene presentato come il direttorio della Bundesbank. Allora, come sempre, siamo costretti a rilanciare, ma non per il "mappino" che tanto ormai si salva solamente grazie all'aumento dell'età media ed è diventato, dati ufficiali di vendita alla mano, un vecchio arnese residuale referenziato solo dentro a certe rassegne stampa, guardate da poteri rappresentati da parrucconi sempre più in disarmo. No, non per rispondere al mappino che, onestamente non ci fa né caldo, né freddo, ma per ricostituire la verità, visto che noi le cose dell'ufficio finanziario le raccontiamo con piena cognizione di causa e studiando gli atti amministrativi, come quello clamoroso, pubblicato ieri (CLICCA QUI PER LEGGERE IL NOSTRO ARTICOLO), sulla determina resa nota con nove mesi di ritardo con tanto di contabilizzazione surreale di accertamenti fiscali casi che non si sa bene in quale capitolo di bilancio vadano a finire. E allora trovare una notizia che dimostra quanto inefficiente, inefficace e dannoso per la città è questo ufficio finanziario e tutti gli altri uffici dirigenti, è assolutamente agevole, visto che ne combinano  una al giorno. E' vero che la metà dei comuni italiani si è vista temporanemente bloccare i trasferimenti dello Stato a causa della mancata trasmissione al ministero dell'economia dipartimento della ragioneria generale dello Stato il questionario unico per i comuni, ma naturalmente Caserta c'è sempre tra gli inadempienti e anche stavolta il suo nome fa bella posta nell'elenco, a cui si può accedere cliccando sul link qui in calce . D'altronde se un comune vuole i soldi dello Stato, deve presentare al Ministero il documento, per l'appunto il questionario unico dei comuni, che indica il proprio fabbisogno standard, appunto, altrimenti lo Stato come te li da i soldi? Inutile dilungarsi in altri commenti. (http://finanzalocale.interno.it/docum/comunicati/com270117.html)