Cronaca Nera

AGG. H 18:45 ORRORE! Sgozza la madre e il padre. FERMATO IL FIGLIO

Graziano Afratellanza

Per il pm ci sono gravi elementi di prova contro Graziano Afratellanza


AGGIORNAMENTO H 18:40 Graziano Afratellanza, 40 anni, al termine di un interrogatorio, e' destinatario di un provvedimento di fermo di pm per duplice omicidio. Per il procuratore di Napoli Nord, Francesco Greco, ci sono gravi elementi di prova di una sua reponsabilita' nell'uccisione del padre Francesco, 82 anni, e della madre Antonietta Della Gatta, 79 anni, avvenuta con un coltello nella loro abitazione di Parete. A dare l'allarme, la nuora delle vittime che abita al piano di sopra.

 

 

AGGIORNAMENTO H 18 - Graziano Afratellanza, 40 anni, l'uomo che gli inquirenti sospettano aver ucciso i genitori nella loro abitazione di Parete con un coltello, e' strato rintracciato dai carabinieri e portato in caserma. Il 40enne, con problemi di natura psichica, e' stato individuato in via Santa Maria a Cubito, in direzione Cancello-Arnone a bordo della sua auto Passat. Ritrovato anche un coltello lungo il ciglio di una strada di Parete, a un chilometro dalla casa del duplice delitto, che potrebbe essere quello usato per gli omicidi. Graziano Afratellanza e' interrogato dal pm e dagli investigatori, e non ancora in stato di fermo.

 

 

AGGIORNAMENTO - Sorpresi nel sonno e sgozzati in camera da letto. Sono morti così Francesco Afratellanza, 82 anni, e Antonietta Della Gatta, di 79. E' successo in via Scipione l'Africano 18 a Parete, in provincia di Caserta. A trovare i cadaveri, alle 9.30 di questa mattina, è stata la nuora. Il sospettato numero uno è il figlio 40enne Graziano. Affetto da problemi psichici, pare essersi dato alla macchia dopo aver ucciso i genitori allontanandosi in automobile. I carabinieri di Aversa gli stanno dando la caccia. L'indagine è coordinata dalla pm Valeria Esposito della procura di Napoli Nord. L'arma utilizzata non è ancora stata trovata. I corpi saranno sottoposti a esame autoptico. All'origine del duplice omicidio potrebbe esserci un raptus di follia. Il figlio Graziano qualche settimana fa è stato sottoposto a Tso, Trattamento sanitario obbligatorio, e affidato alla Asl locale. In passato, secondo la prima ricostruzione, avrebbe più volte tentato il suicidio impiccandosi. Il padre e la madre, agricoltori in pensione, sono stati trovati senza vita distesi sul letto: i tagli alla gola, alcuni dei quali profondi, non gli hanno lasciato scampo.La tragedia famigliare ha scosso la cittadina, 11mila abitanti nel casertano. A Parete si conoscono tutti e poco dopo l'arrivo delle forze dell'ordine al civico 18 di via Scipione l'Africano la notizia si è diffusa in tutto il paese. "Non hanno mai creato tensione", dice con la voce rotta dall'emozione il sindaco, Gino Pellegrino. In mattinata vicini di casa, conoscenti e amici si sono riversati fuori dall'abitazione dei coniugi Afratellanza. "Erano brave persone", spiegano i vicini increduli, "è una tragedia troppo grande". I due "erano sereni. A lui piaceva il ballo", racconta una conoscente. Il figlio? "Un pazzo", ammette un'amica di famiglia.

 

 

PARETE (L.D.A.) - Siamo in grado adesso di fornire qualche dettaglio in più, rispetto al primo lancio della notizia (CLICCA QUI PER LEGGERE) sulla morte dei due coniugi di Parete.

Si tratta di Francesco Afratellanza e Antonietta Della Gatta di 82 anni lui e 79 anni lei, residenti in via Scipione l'Africano 18 a Parete. Al momento gli uomini dell'Arma sono sulle tracce del figlio Graziano Afratellanza di 40 anni, contadino, che risulta irreperibile, il quale, stando alle prime indiscrezioni, soffrirebbe di disturbi mentali, che poi si sarebbe suicidato.

Ad allertare le forze dell'ordine i vicini di casa dopo aver udito le urla di paura della coppia. Quando, però, sono giunte sul posto, le ambulenze del 118 per i due 80enne non c'è stato più nulla fa fare. Morti dissanguati per le ferite riportate.

Nel frattempo il figlio sarebbe scappato via. Pattuglie in posti di blocco su tutte le arterie dell'Agro-Aversano.

Red.Cro.