Cronaca Nera

Rapina in gioielleria. Biccardi in aula confessa altri raid

La gioielleria Merolillo di Pastorano e nel riquadro Vincenzo D'Addio

E' accaduto durante l'udienza di questa mattina


PASTORANO - Ha ammesso, durante il processo tenutosi questa mattina al tribunale di Santa Maria Capua Vetere, di aver commesso altri raid ai danni di altri esercizi oltre alla rapina alla gioielleria Merolillo di Pastorano durante la quale Francesco Biccardi, insieme al suo complice Vincenzo D'Addio, sparò al titolare. L'uomo, già condannato in primo grado con rito abbreviato a 7 anni e 10 mesi di reclusione ha fatto questa sconcertante dichiarazione nel corso della sua escussione. I due arrivarono a bordo di una motocicletta bianca al negozio e con la minaccia dell'arma intimarono al titolare di consegnargli i preziosi. Poi nella fuga venne esploso un colpo che ferì gravemente il commerciante. Gli altri colpi furono effettuati al supermercato Brio di Maddaloni ed ai danni di una farmacia e di una profumeria di Santa Maria a Vico.