Cronaca Nera

Accusato di violentare la figlia della compagna, 38enne finisce alla sbarra

L'uomo, secondo l'accusa, avrebbe approfittato della ragazzina quando era ubriaco


PIETRAVAIRANO – Era stato arrestato qualche mese fa Garraoui Adil, 38 anni, con l'accusa di aver abusato sessualmente della figlia della sua compagna e per maltrattamenti in famiglia. Oggi, è stato rinviato a giudizio e la prima udienza del processo è stata fissata per il prossimo mese di gennaio. L'accusa di violenza sessuale fu ridimenzionata già durante l'incidente probatorio nel quale fu ascoltata la testimonianza della ragazzina. Subito dopo il fermo, Adil, respinse ogni accusa precisando che il tutto era stato architettato dalla moglie con cui non andava più d'accordo e che avrebbe inventato tutto per potersi liberare di lui. Restano ancora in piedi, invece, le accuse, contro Adil, di maltrattamento in famiglia, fatti per i quali dovrà affrontare un regolare processo.
Le violenze, secondo la denuncia fatta dalla donna, andavano avanti da qualche tempo. L’uomo, spesso, ubriaco approfittava della ragazzina (figlia della donna, avuta da una precedente relazione); la moglie – una donna di Pietravairano – tentava di opporsi e di sottrarre la ragazzina all’orco, ma lui la minacciava di morte con un coltello.