Cronaca Nera

S. MARIA C. V. Trafugarono la salma di un barista per chiedere il riscatto, la sentenza

Nella foto a sinistra Stefano Cecere

Ad emetterla il giudice Ivana Salvatore


SANTA MARIA CAPUA VETERE – Trafugarono dal cimitero di Santa Maria Capua Vetere la salma di Luigi Conforti, il barista di Curti deceduto in un incidente stradale nel 2006, per chiedere il riscatto alla famiglia. La spostarono in un altro loculo e contattarono i genitori. Questi ultimi denunciarono l’accaduto alla polizia che, in poco tempo, nel 2013, riuscì a stringere le manette attorno ai polsi di Stefano Cecere, Ananie Nedelcu e Walter Pimpinella. A seguito del processo con rito abbreviato, il giudice Ivana Salvatore ha condannato Cecere a sei anni e otto mesi e Ananie Nedelcu (collaboratore di giustizia) a due anni e due mesi. Assolto per non aver commesso il fatto Walter Pimpinella.

Red.Cro.