Politica

La solita vergogna della Casta. Lucia Esposito dovrà aspettare altri tre giorni per diventare senatrice perché Pd e Forza Italia hanno rinviato la decisione per consentire a Cuomo di papparsi la pensione

Nelle foto da sinistra Lucia Esposito e Vincenzo Cuomo

Durissimo comunicato del Movimento cinque stelle


CASERTA - Come avevamo già annunciato a giugno le dimissioni da senatore del neo sindaco di Portici, carica che torna a ricoprire dopo qualche anno, Vincenzo Cuomo, dalla funzione di senatore ha portato a Palazzo Madama la prima dei non eletti, cioè la sannicolese Lucia Esposito. L’operazione è avvenuta non senza polemiche e questo per un motivo molto semplice: perché la casta dei politici vivifica e rende necessaria la presenza di un movimento confuso, fanfarone finchè si vuole, ma in questi caso dice la verità, qual è cinque stelle.

Cuomo è stato eletto a giugno. A fine luglio ha scritto una lettera al presidente di Palazzo Madama in cui ha reso nota la sua decisione di optare per la carica di primo cittadino. Occorreva solo una presa d’atto, un visto scontato di un’incompatibilità palmare, lampante, riconosciuta dal diretto interessato e invece i furbetti della giunta hanno rinviato il tutto di tre giorni. Giusto il tempo per scavallare la fatidica data del 15 settembre, che consentirà a Cuomo, con nemmeno una legislatura completata di accedere alla sontuosa pensione di parlamentare.

Insomma, Lucia Esposito dovrà aspettare qualche giorno ancora per iniziare l’agognato giro a Palazzo Madama, per lei però senza pensione, ma con la possibilità, da senatrice uscente, di essere ricandidata, ovviamente con l’esigenza di conquistare tante preferenze per essere a questo punto rieletta, visto che, stando così le cose, difficilmente si arriverà ad una nuova legge elettorale che non sia l’Italicum corretto con le disposizioni della Corte Costituzionale.

QUI SOTTO IL COMUNICATO DEI CINQUE STELLE