Camorristi con il Reddito di cittadinanza: in 5 finiti nell’inchiesta. I NOMI DI TUTTI E 30 GLI INDAGATI

24 Gennaio 2023 - 21:15

MONDRAGONE – L’ipotesi di reato sulla quale sta operando il pm Sergio Occhionero della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere è quella di truffa e violazione della norma sul reddito di cittadinanza.

Trenta persone, secondo quanto emerge dai primi atti dell’inchiesta, avrebbero usufruito del sussidio di supporto a chi si trova in condizioni d’indigenza, senza averne alcun diritto.

Nel gruppone emergono cinque nomi noti della criminalità organizzata operante a Mondragone e nella zona del litorale domizio.

I NOMI DEI CAMORRISTI INDAGATI E DEGLI ALTRI 25

Sono stati indagati, infatti, Luigi Fragnoli, 46enne figlio del ras Giuseppe; Giovanni Lungo e Domenico Di Ponio, condannati per reati commessi in funzione dei Fragnoli ed Alessandro

Martino e Romualdo Martella, ritenuti vicini alla cosca di Augusto La Torre.

Gli altri 25 indagati, invece, avrebbero sì usufruito del Reddito senza averne i requisito, ma non hanno alcun vincolo con la criminalità organizzata.

I NOMI: Mario Pietropaolo, Carmela D’Agostino, Lucia Laura Scotto Rosato, Florinda Machera, Maria Barbato, Giosuè D’Agostino, Immacolata Finizio, Brigida Sorrentino,Veronica Russo, Anna Barnus, Cristina Ceraldi, Anna Rinaldi, Michela Bordone, Maria Miniello, Luigi Marcheggiano, Sara Piscitiello, Mafalda Portanova, Achille Neri, Rossella Bollente, Donatella Licheri, Gennaro Cascarino, Francesco Pagliaro, Saverio Piscitiello,  Antonio Loffredo e Francesca Nattino. .