GOLDEN TULIP VOLALTO 2.0: sbrigata la pratica Olbia, matematico l’accesso alla poule promozione

SAN NICOLA LA STRADA – Passano le prime cinque alla ‘fase promozione’ e ci sarà anche la Golden Tulip VolAlto 2.0 Caserta che mette il primo tassello della propria storia nella Pallavolo italiana. E mancano ancora 2 partite per la prima fase. A caldo il Presidente Nicola Turco: “Questa prima fase è stata di esperienza”. Questa risposta del patron fa capire tanto: il numero uno della società rosanero già pensa al mercato, ed ha già in testa qualcosa di importante…

PRIMO SET. Le padrone di casa partono meglio (4-1) ma è Frigo a rompere l’incantesimo con una bella fast che lancia la squadra rosanero. Il pareggio è questione di secondi ed arriva a 5 sull’invasione di Tajè. Frigo on fire: attacco vincente dalla seconda linea e poi l’ace portano la Volalto 2.0 Caserta ad avere ben 5 set point. Coach Anile chiama time-out. Salgono in cattedra anche Repice (muro) e Cella (un perfetto diagonale) e la Golden Tulip arriva a 20 con 4 punti di vantaggio sulle avversarie. Olbia non reagisce e le ragazze del Presidente Turco prendono il largo: si chiude 19-25 con l’errore al servizio dell’atleta sarda.

SECONDO SET. Prima parte di parziale molto equilibrata. Dall’8-7 Olbia si ritrova essere sotto di 2 (8-10) e coach Anile si gioca il primo time-out. Al rientro in campo continua il break di Caserta che viene chiuso da Cella (0-7) col punto che vale l’8-13. La Hermaea prova però a restare in scia e a riportarsi -3 (13-16). Coach Bracci manda in campo Giugovaz per Frigo. Lo svantaggio diventa ancora più ridotto quando Nikolaeva strappa il 17-19 che costringe l’allenatore rosanero a richiamare le sue ragazze in panchina. Ma al rientro in campo non c’è più storia: Olbia sbaglia tantissimo e regala anche il secondo set (20-25) quando Nikolaeva trova la rete sul proprio servizio.

TERZO SET. Partenza in quinta marcia per la Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta. Melli e Fucka portano la contesa subito sullo 0-4 e coach Anile si gioca il primo ‘tempo’. Ma al rientro in campo il leit motiv del match non cambia: due muri di fila sempre di Melli (2-8) costringono l’allenatore sardo a chiedere il suo secondo e ultimo time-out. Le rosanero hanno voglia di chiudere in fretta i conti: rientra in campo sul 3-9 anche la venezuelana Perez dopo il lungo infortunio. E il suo primo punto vale il +10 (5-15). Ace di Dalia per il 6-18. Non c’è storia. Entrano in campo anche Maggipinto e Trevisiol per Cella e Dalia. La sfida sull’isola si chiude con l’attacco out di Fiore. Finisce 13-25.