LA MORTE DI ATTILIO PALMIERI. La commovente lettera della sorella: “Lui era speciale sapeva amare senza limiti e condizioni…”

MONDRAGONE (red. cro.) – Una scomparsa prematura, un epilogo che strazia e logora. Attilio Palmieri, conosciuto da tutti come Maurizio, 34enne di Mondragone, ha lasciato i tanti che lo conoscevano nello sgomento più totale.

Il suo sorriso e il suo carisma vengono descritti, in queste ore, così minuziosamente, che coloro i quali non lo hanno conosciuto personalmente possono immaginare la bella persona che era. Ed è per questo che Maurizio non sarà mai dimenticato.

La sorella Lucia descrive così il suo amato fratello: ” Lui è in paradiso di sicuro… Aveva una bontà d’animo puro senza tanti fronzoli…. Lui era speciale, lui era unico, lui era affettuoso, lui era sentimentale, sapeva amare senza limiti e condizioni, lui sapeva perdonare soprattutto a chi lo sfruttava e gli faceva del male, lui era il nostro sole, lui era felice anche con poco, lui viveva per la sua famiglia, era un buon padre, conosceva il senso del dovere…lui era lui… mi mancherà da morire uno dei pezzi importanti del mio cuore mi è stato strappato e la vita non sarà più la stessa senza il mio… Il nostro Maurizio. Adesso è un angelo uno bello grosso e importante e dovrà proteggere tutta la sua famiglia, soprattutto le mie nipotine… Mi mancheranno le nostre risate, i nostri abbracci, anche le nostre discussioni. Mi mancheranno le nostri brevi chiamate con whatsup …ma sepevo che c’eri ed eri lì… adesso ti chiamerò con la preghiera e ti prego rispondimi perché io voglia che tu ci sarai per sempre… Grazie a tutti per la vicinanza“.

A tali parole non c’è più nulla da aggiungere.