Meteo. Il caldo ha i giorni contati. Da sabato temperature in picchiata anche di -15°

L’espansione dell’anticiclone delle Azzorre, assieme a quello africano dal Marocco, fa tornare il caldo e l’afa. In questi giorni le temperature sono gradualmente e inesorabilmente aumentate soprattutto al Centro-Nord e sulle città lontane dal mare con picchi di 35-36°C accompagnati inoltre dalla sensazione fastidiosa dell’afa.

Fino a giovedì le cose non cambieranno di molto, la colonnina di mercurio si manterrà ben superiore ai 33-34°C su molte città come Milano, Bologna, Firenze e Padova, ma supererà tale cifra a Trieste dove sono attesi 36°C. Farà caldo anche al Sud con 34-35°C attesi in Puglia, come a Taranto e in Campania come a Caserta, qualche grado in meno invece sulle due isole maggiori ormai interessate quotidianamente dai temporali.

Questo caldo però ha i giorni contati: una prima diminuzione avverrà già venerdì, anche se soltanto di qualche grado, mentre da sabato l’abbassamento termico sarà consistente e fino a 15°C in meno al Nord, 6-8°C al Centro, 4-5°C al Sud.