CASERTA. Il Liceo Diaz promuove l’Open Day: aperte le porte al territorio

CASERTA – Domenica 13, dalle ore 9 alle 13, il Liceo Diaz apre le porte al territorio. Docenti e alunni accoglieranno i visitatori nei luoghi della didattica, laboratori e aule tematiche, e si avrà l’occasione di poter toccare con mano la storia del più antico liceo scientifico della città dove si conservano strumenti per gli esperimenti di Fisica e di Chimica che hanno quasi cento anni. Ma il Liceo Diaz che, come afferma il Dirigente Scolastico ing Luigi Suppa ,“ ha saputo declinare la propria tradizione nella contemporaneità e nelle nuove istanze dell’umanesimo scientifico” è anche , e soprattutto, all’avanguardia nella formazione scientifica che ,  oltre dalla presenza dei numerosi laboratori scientifici, è dimostrata dalla realizzazione di percorsi formativi finalizzati alle scelte Universitarie come il corso di Biomedica, in sinergia con l’Ordine dei Medici e la Facoltà di Medicina, il Cambrige accompagnato dal potenziamento nelle lingue europee francese, tedesco e spagnolo, una serie di attività in campo giuridico, scientifico,informatico con la robotica. Tutto organizzato in sintonia con la didattica e con i tempi di apprendimento degli alunni (http://www.liceodiazce.it/).
Anche in campo umanistico gli alunni si sono distinti vincendo per il secondo anno consecutivo il premio speciale della giuria della XX edizione del Festival Pulcinellamente, a cui hanno preso parte più di quaranta esperienze laboratoriali provenienti da tutta Italia. Portando in scena  il Canto V dell’Inferno .

“Il lavoro svolto in questi anni- ha dichiarato il preside Luigi Suppa- ha avuto un riscontro oggettivo con l’assegnazione di numerosi premi nazionali e internazionali come il riconoscimento che il Diaz ha ricevuto dalla fondazione Inglese Trust for Sustainable Living & The Living Rainforest, con sede a Oxford (UK), per il concorso internazionale di scrittura e dibattito in lingua Inglese rivolto agli studenti di tutto il mondo che ha visto , per la seconda volta,i nostri alunni premiati per aver colto l’importanza del rispetto e della salvaguardia delle diversità climatiche e ambientali del pianeta. Trattazioni in inglese sulla conservazione degli ecosistemi dei mari e degli oceani, approfondendo in particolare il concetto di “blue economy” e il rapporto tra sviluppo economico e risorse marine, che costituisce uno dei punti principali dell’agenda delle Nazioni Unite per il 2030″.
Un liceo scientifico che accoglie il pubblico nella sua veste naturale, momenti di incontro per comprendere l’impianto didattico-educativo, per conoscere i docenti, per rendersi conto del “fare scuola” che caratterizza , da sempre, il Liceo Diaz come dimostrano le tantissime eccellenze che , poi, hanno avuto successo negli studi e nella vita. “ Non a caso- conclude il preside Luigi Suppa- la cura delle sperimentazioni didattico-scientifiche vanno a coniugare tradizione e innovazione senza mai trascurare la formazione umanistica che è e resta un patrimonio culturale che i ragazzi potranno spendere anche  nel lavoro ”.
Sostanza e concretezza, il Diaz è un vero Liceo!

COMUNICATO STAMPA
LICEO ARMANDO DIAZ