La morte del 17enne Francesco D’Onofrio, il cordoglio del sindaco: “Oggi abbiamo perso tutti qualcosa”

27 Maggio 2022 - 09:49

BAIA E LATINA – Esprime cordoglio e si stringe al dolore della famiglia il sindaco di Baia e Latina, Giuseppe Di Cerbo, l’amministrazione comunale e la cittadinanza tutta,  per la morte del 17enne Francesco D’Onofrio deceduto la scorsa notte a seguito di un incidente stradale lungo la provinciale che collega Pietramelara e Baia e Latina. Il giovane era in auto con un amico, quando è sbucato improvvisamente un cinghiale. La brusca frenata non ha evitato l’impatto, l’auto è stata completamente distrutta dallo scontro. Stando a una prima ricostruzione dei carabinieri  la macchina, di proprietà dei genitori e che il giovane avrebbe preso di nascosto in quanto non ancora patentato,  si è scontrata con il cinghiale e Francesco ne ha perso il controllo: l’auto è finita prima in una cunetta, poi contro un muro, e infine si è ribaltata.

“Stamattina la nostra comunità si è svegliata incredula, sopraffatta dalla più tragica delle notizie, la perdita di un nostro giovane concittadino, Francesco. Il sindaco, l’amministrazione comunale, il consiglio comunale e la cittadinanza intera esprimono profondo cordoglio e vicinanza ai familiari del giovane Francesco D’Onofrio, prematuramente strappato alla vita a soli 17 anni per un tragico incidente nella scorsa notte.

Una

notizia così dolorosa, come la morte di una persona conosciuta, ci getta sempre nello sconforto, ancor di più quando si apprende che a perdere la vita è un giovane ragazzo che si stava appena affacciando al mondo, che aveva ancora tanti sogni da realizzare, speranze e progetti, la vita ancora tutta da prendere a morsi, traguardi da raggiungere e gioie da condividere con le persone care. Oggi abbiamo perso tutti qualcosa, la famiglia, gli amici, tutti quelli che gli hanno voluto bene ma anche chi, almeno una volta, ha incrociato il suo dolce sorriso per la strada. Oggi ci sentiamo tutti un po’ più soli. Ciao, Francesco. Proteggici da lassù e sorridici ancora. Noi, quel sorriso, lo ricorderemo per sempre.”