La morte di Francesca Compagnone. La Procura ha disposto nuovi accertamenti per il giovane indagato

5 Novembre 2022 - 10:22

Il 23enne è accusato dell’omicidio di Francesca consumatosi nella notte del 26 ottobre

TEANO/RIARDO – Saranno effettuati nuovi accertamenti, irripetibili, per fare chiarezza sulle dinamiche dell’omicidio di Francesca Compagnone, 28 anni. I sostituti procuratori della Procura di Santa Maria Capua Vetere, Nicola Camerlingo e Gionata Fiore hanno fatto richiesta di accertamenti tecnici irripetibili per il moldavo, 23 anni, accusato dell’omicidio della 28enne.

Nei prossimi giorni il ragazzo, verrà sottoposto ad esami a cura del Racis (aggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche) di Roma. In un lungo interrogatorio il 23enne ha ribadito ai carabinieri la sua tesi, quella della tragica fatalità.

I dubbi degli investigatori hanno portato ad un prosieguo delle indagini.

Disposto

il sequestro dei dispositivi informatici utilizzati dal ragazzo e alcuni conoscenti sono stati sottoposti a un lungo interrogatorio.

Va ricordato che il giovane fino al terzo grado di giudizio è da ritenersi innocente.