ASI, LA VERGOGNA DELLE VERGOGNE. Dopo i nostri articoli il popolo dei cittadini, che li fa campare alla grande, privato della possibilità di leggere le delibere

11 Settembre 2019 - 09:40

CASERTA (Gianluigi Guarino) – Ma non vi vergognate? No, non si vergognano.
I dirigenti dell’ASI non si vergognano come tutti quanti quelli che, nella provincia da cui scriviamo, occupano, in nome e per conto dei partiti, dei capimazza pro tempore, posti di potere dentro i quali esercitano la potestà su centinaia di milioni di euro appartenenti alla comunità.

Non si vergognano questi dell’ASI di Caserta, dopo aver premeditatamente chiuso il sito che appartiene al popolo dei cittadini, e non alla signora Pignetti, di averlo fatto dopo gli articoli gravissimi pubblicati da CasertaCe, salvo poi riaprirlo negando, non a CasertaCe, ma a tutti i cittadini ed ai titolari della tutela della legalità, ai magistrati, alla Guardia di Finanza, ai Carabinieri, alla Polizia, di prendere visione dell’attività che la signora Pignetti e gli altri accoliti della lottizzazione targata Graziano, Zannini e compagnia, svolgono con una solerzia ed una operatività che sarebbero veramente degni di miglior causa.
Da quando CasertaCe ha scritto quegli articoli non si possono leggere più narrativa ed atto esecutivo delle delibere, ma solo i titoli del loro oggetto.
Ma vi sembra una cosa giusta, seria? Vi dovete mettere in testa che lo stipendio sontuoso che intascate è di proprietà del popolo e non dei politici che vi hanno messo in quella posizione. E questo vale per i dirigenti, ma vale anche per i collaboratori.
Noi non sappiamo chi sia l’addetto stampa o il responsabile della comunicazione. Gli/le diciamo solamente che si sta rendendo complice di una vergogna senza limiti.
Eppure quello Stefano Graziano mi conosce bene. Sa bene che il mio motto è il seguente: “dove c’è gusto non c’è perdenza”. Sarà lotta dura partendo dal caso mondiale dei Canciello a tutto il resto fino a quando non restituirete al popolo dei cittadini il diritto di controllare come vengono spesi i loro soldi. Togliete questa vergogna dalla rete.
Recita uno di questi ‘oggetti misteriosi’: “Trasformazione del rapporto di lavoro a tempo determinato in rapporto di lavoro a tempo indeterminato”.
Poi c’è un’altra assunzione a tempo indeterminato.
Domanda: la signora Francesca De Angelis sarà ancora una precaria tra due mesi?
Mi vengo a mettere con la tenda davanti alla sede dell’ASI. Anzi, mi faccio prestare l’ombrellone e la sdraio da Tony Velardi. Siete uno sperpetuo. Signora Pignetti mi vuole riquerelare? La aspetto a braccia aperte.
Clicca QUI per verificare come, sul sito dell’ASI di Caserta, si possibile leggere soltanto il titolo delle delibere approvate e non il loro contenuto.