Jova Beach Party a CASTEL VOLTURNO. La Legambiente di SESSA AURUNCA: “Non si tiene conto della natura che ne sarà danneggiata”

14 Giugno 2022 - 17:39

Pubblichiamo il comunicato firmato da Carmine Venasco, presidente del circolo Legambiente Alfredo Petteruti di Sessa Aurunca

 

CASTEL VOLTURNO – L’Associazione scrivente, da sempre attenta alle problematiche inerenti la salvaguardia dell’ecosistema costiero e dunale del litorale domizio, con la presente espone quanto segue:
da notizie diffuse a mezzo stampa e sul sito dell’Azienda Ticketone, che sta già vendendo i biglietti, risulta che nei giorni 26 e 27 agosto
2022 si terrà un concerto del cantante Jovanotti in località Lido fiore Flava in comune di Castelvolturno: il concerto si terrà nell’area interessata
dalla spiaggia, mentre i visitatori per raggiungerla dovranno attraversare la Pineta di Castel Volturno e la duna tra questa e il litorale.
Il circolo Legambiente Alfredo Petteruti di Sessa Aurunca fa presente che l’area interessata è di particolare importanza per gli uccelli di All.
I della Direttiva uccelli che nidificano, come il fratino/Charadrius alexandrinus), che si riproduce sulla spiaggia: è inoltre sito riproduttivo
della Tartaruga marina Caretta Caretta che, come noto, sta utilizzando diffusamente il litorale domizio.

L’area

inoltre è prossima al perimetro della Riserva Naturale Regionale Foce Volturno costa LIcola e alle zone speciale di conservazione Natura 2000 Pineta Castel Volturno
entrambe le aree protette saranno interessate dal flusso di visitatori, stimato in diverse migliaia.
L’importanza dell’area interessata dall’evento, sebbene esterna al perimetro della riserva e della ZSC, è attestata dai numerosi studi e
dall’ente Riserve; quest’ultimo anche soggetto gestore della ZSC, che con deliberazione del Presidente n. 07 del 17/12/2020 ridefiniva gli
obiettivi di conservazione sito specifici e trasmetteva alla Regione Campania, per gli atti amministrativi, la proposta di riperimetrazione della
ZSC della Pineta di Castelvolturno IT8010020,la designazione della medesima ZSC, una volta riperimetrata, anche come ZPS e la ridefinizione
delle Misure di conservazione della ZSX in sostituzione dei precedenti adottati con DGR n, 795 del 2017.
Gli indirizzi di gestione adottati con la citata delibera del Presidente dell’Ente Riserva sono stati utilizzati per progettare gli interventi di “riqualificazione e messa in sicurezza della Pineta di Castel Voltruno e fasce prospicienti il litorale contermine”, nell’ambito del POC
Campania 2014 2020 di cui al DGR n. 257/2016,i cui lavori sono attualmente in corsa da parte della società Xampania più verde.
Va anche ricordato che avendo accertato la presenza di habitat e specie di importanza comunitaria nell’area esterna all’attuale perimetro
della ZSC, ai sensi del punto 2 dell’art 7 del DPR 357/97, vige l’obbligo per le Regioni e le province autonome di Trento e e di Bolzano,
adottare misure idonee a garantire la salvaguardia e il monitoraggio dello stato di conservazione delle specie e degli habitat di interesse
comunitario, con particolare attenzione a quelli prioritari, garantito dagli art 8 e 9 del citato DPR, anche fuori del perimetro dei siti natura
2000.