Ad Script

LA FOTO. CASERTA. Rogo doloso al Conad, danni anche alle abitazioni. Le telecamere del bar Mazza riprendono i piromani in fuga. Vandali o atto intimidatorio?

30 Novembre 2023 - 18:51

Alle 4.40 della scorsa notte l’intervento dei vigili del fuoco di Caserta.

CASERTA. Quattro carrelli pieni di cartoni dati alle fiamme, proprio davanti all’ingresso del supermercato Conad, in via Acquaviva, confinante con l’ufficio postale. Alle 4.40 di stamattina sono interventi sul posto i vigili del fuoco del comando provinciale di Caserta che hanno spento le fiamme, propagatesi non solo ai balconi delle abitazioni sovrastanti il supermercato, ma anche al locale interrato del Conad, dove è andata in fiamme una macchina lavatrice per pavimenti. Fortunatamente, il rogo è stato spento prima che le fiamme lambissero la merce e provocassero danni ben più gravi.

La paura, ovviamente, è stata tanta per i residenti dello stabile: il fumo proveniente dalla combustione dei cartoni è entrato anche nelle loro abitazioni, oltre ad annerire la facciata dell’edificio. Tra l’altro, il fuoco ha non sono attecchito sui cancelli esterni del supermercato, ma ha distrutto l’impianto elettrico collegato all’insegna ed ha reso pericolante l’intonaco. Per questa ragione, i vigili del fuoco hanno diffidato la titolare Gemma Nuzzo dall’aprire i locali ai clienti anche se, a quanto ci risulta, tale diffida pare non essere stata rispettata. Successivamente, sono stati i vigili urbani a transennare l’area.

Per quanto concerne le indagini, invece, sembra che, visionando le immagini delle telecamere del vicino bar Mazza, siano stati notate tre persone che, dopo aver dato fuoco ai cartoni, scappavano via dalla zona. L’azione di una banda di vandali, o qualcosa in più? L’incendio doloso potrebbe, infatti, essere considerato un atto intimidatorio nei confronti dei proprietari del supermarket. Sappiamo bene che, con l’avvicinarsi delle festività, aumentano anche le richieste estorsive nei confronti dei commercianti. Sul caso indagano le forze dell’ordine.