“Madonne. Madre e vita in Terra di Lavoro”: la Bcc sostiene l’opera fotografica di Castillo

21 Ottobre 2022 - 17:27

Sarà presentata giovedì 27 ottobre nella basilica benedettina dell’XI sec. a Sant’Angelo in Formis la raccolta completa di Bruno Castillo, fotografo casertano che raccoglie le più belle immagini iconografiche delle Madonne che allattano.

CASAGIOVE/SANT’ANGELO IN FORMIS Sarà presentato giovedì 27 ottobre nella basilica benedettina dell’XI sec. a Sant’Angelo in Formis il volume, “Madonne – Madre e vita in Terra di lavoro”.
Un book fotografico più che un libro. Una raccolta completa di Bruno Castillo, fotografo casertano che raccoglie le più
belle immagini iconografiche delle Madonne che allattano.
Abbiamo sentito uno degli autori, Don Francesco Duonnolo.
Come nasce l’idea?
“Il volume “Ma Donne, madre e vita in Terra di Lavoro”, ritrae un’iconografia mariana diffusa in provincia di Caserta –
spiega

Don Francesco Duonnolo, – ed in particolare in Terra di Lavoro. Abbiamo ricercato – continua Don Francesco – le immagini mariane che riguardano le rappresentazioni artistiche delle Madonne del latte o che allattano”.
Come mai proprio le Madonne che allattano?
“Il
volume Madonne lactans – Madonne che allattano, ha una doppia chiave di lettura, il nutrimento di Maria per il
Salvatore del Mondo, e, come immagine riflessa, le donne che donano la vita. Il latte diventa sia nutrimento spirituale
ma anche nutrimento del corpo per tutti i bambini che si affacciano alla vita”.
È un libro a 3 mani.
“Assolutamente. Abbiamo cercato di far parlare tra loro le tre arti, la fotografia con l’autore degli scatti, il bravissimo
fotografo Bruno Castillo e le arti iconografiche e iconologiche che riguardano me e Don Battista Marello, il prete artista”.
Un contributo importante per tutta l’area diocesana casertana.
“Questa scelta è una pietra angolare in questo campo in quanto non esistono censimenti precisi organici e scientifici, ha coinvolto le sei diocesi della provincia di Caserta. Abbiamo scelto – ha aggiunto Don Francesco – un campo paretario, ovvero le Madonne Lactans in affreschi, e soprattutto, abbiamo cristallizzato un periodo ben definito che va dall’VIII secolo fino a fine 700 e una zona ben definita, Terra di Lavoro”.
“Non potevamo esimerci dal contribuire finanziariamente – riferisce il Presidente della BCC Terra di Lavoro S.
Vincenzo de’ Paoli Roberto Ricciardi – alla realizzazione di un’opera di siffatto valore, non solo storico, ma anche
per quello che rappresenta proprio l’opera in sé. Il Credito Cooperativo, saldamente legato alla propria area di
competenza, è da sempre impegnato a promuovere il territorio, le sue eccellenze, la sua cultura e quindi anche le bellezze artistiche e architettoniche. Le Madonne Lactans. – continua Ricciardi – nella loro immensa bellezza, rappresentano la vita e la rigenerazione della stessa nel tempo”.