MEGA SPECULAZIONE. Rinviati a giudizio noto dirigente dell’ufficio tecnico e 4 imprenditori dell’agro aversano

CASTEL VOLTURNO – Finiti sotto processo e disposto il rinvio a giudizio per il capo ufficio tecnico del Comune di Castel Volturno il geometra Carmine Noviello e per quatto beneficiari di concessioni edilizie. Il reato contestato è di concorso aggravato in abuso in atti di ufficio.

A firmare il provvedimento il Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale Sammaritano Ernesto Anastasio che ha accolto la richiesta del Pubblici Ministeri Federica D’Amodio e Vincenzo Quaranta. Prima udienza dibattimentale dinanzi alla Prima Sezione Penale presieduta dal giudice Giovanni Caparco e Pubblico Ministero di udienza Sergio Occhionero, cui e’ stato assegnato il fascicolo in fase dibattimentale.

Insieme con il dirigente tecnico del Comune Castellano sono imputati anche 4 imprenditori dell’Agro Aversano che, secondo la tesi accusatoria, avrebbero beneficiato di provvedimenti di concessioni edilizie non solo discutibili ma in contrasto con la vigente normativa urbanistica. Si tratta di Filomena Capasso, di Antonio Coppola, Francesco D’Aniello e di Andrea D’Aniello.

Nel collegio difensivo l’avv. Giuseppe Granata, l’avv. Raffaele Crisileo e l’avv. Eugenio Goglia.

I fatti risalgono a circa quattro anni fa e l’indagine e’ partita a seguito di una verifica della Questura di Caserta che, durante sopralluoghi per accertare collusioni degli imputati con esponenti del posto, si sono resi conto che erano in corso lavori, alcuni senza alcun permesso a costruire ed altri in palese difformita’. Successivamente numerose consulenze tecniche disposte dall’ufficio di procura ed effettuate dal prof. Arch. Alberto Coppola hanno suffragato l’ipotesi di un grosso business edilizio nell’area castellana dal kartrodomo fino all’imbocco della domitiana.