CASERTA. La scuola De Amicis crolla a pezzi, mamme in rivolta: “Dal sindaco atto grave e miserabile”. E promettono: sabato mattina in piazza Vanvitelli “sarà rivoluzione”

29 Settembre 2022 - 20:03

La nota della presidente del consiglio d’istituto della scuola di corso Giannone che annuncia la manifestazione e invita tutti, genitori e studenti, a partecipare.

CASERTA Un’ora fa abbiamo scritto della situazione in cui versano alcune scuole casertane ed ora ci giunge la dura nota della presidente del Consiglio d’Istituto della De Amicis contro l’amministrazione comunale “inadempiente”. Sabato mattina le mamme degli alunni del plesso di corso Giannone bloccheranno il traffico e protesteranno per i tanti disagi che i loro figli e tutti i genitori sono costretti a vivere, ormai da tempo. Ma quanti soldi Carlo Marino avrà speso finora per una scuola che crolla a pezzi e che andrebbe ricostruita dalle fondamenta? Soldi buttati per avere un plesso che, comunque, non permette agli alunni il normale svolgimento delle attività didattiche.

Ma

ecco la nota della Presidente del Consiglio d’Istituto della De Amicis. “Dopo l’ennesima comunicazione da parte del Comune di Caserta che ha costretto la Preside a organizzare minuto per minuto il servizio, dopo l’ennesima promessa non mantenuta di accelerare i tempi di consegna delle aule della De Amicis, ora non ci crediamo più!
Prima
i doppi turni alla primaria, poi la turnazione delle classi dell’infanzia e, infine, lo smembramento della secondaria.
A breve cominceranno i lavori anche alla Scuola Media P. Giannone; le classi interessate dovrebbero andare all’ex convento di Sant’Agostino (al posto delle classi della primaria che sarebbero dovute rientrare alla De Amicis) ma tutto questo sarebbe già dovuto accadere ai primi di settembre, invece a tutt’oggi i lavori non sono stati consegnati, le aule della De Amicis e del Giannone sono allagate e il Sindaco non ha ancora predisposto un piano di gestione dell’emergenza dovuta al maltempo.
Senza contare che non ha fatto nulla per accelerare sui lavori di ristrutturazione (tra cui sarebbe stato forse opportuno dare priorità al ripristino del tetto), non ha dato aule alternative, anche solo provvisorie, al nostro Istituto Comprensivo, non ha concesso l’utilizzo delle palestre e, atto grave e miserabile, riversato tutta la responsabilità alla Dirigente Scolastica che è stata costretta alla quotidiana diffusione di circolari dell’ultimo minuto, pur di offrire un servizio decente.
Noi genitori, da oltre quattro anni, viviamo nel caos e dopo il biennio di Pandemia gli alunni sono ancora più destabilizzati da questo folle alternarsi di: un giorno a scuola di mattina, un giorno a casa, un giorno al pomeriggio; così non è una scuola, è una farsa e uno stillicidio e a farne le spese sono anche i docenti che si sacrificano in aule anguste, devono affrontare continui spostamenti tra un plesso e l’altro: noi lo gridiamo anche per loro: Ora basta!!!!!!
Il Presidente e i genitori presenti nel Consiglio d’Istituto dell’IC Giannone-De Amicis invitano tutti i rappresentanti di classe, i genitori e il personale docente e non docente ad un’azione di protesta che si terrà sabato 1 ottobre, alle ore 11:00, sotto i porticati del Municipio di Caserta, in Piazza Vanvitelli. Sarà organizzata anche una raccolta firme (portate documento di riconoscimento) che verrà allegata all’istanza che presenteremo al Prefetto e a tutti gli organi competenti per chiedere l’immediato ripristino delle condizioni minime di salubrità e sicurezza per i nostri figli e i loro docenti.
N.B. indossate una maglietta blu e se portare i bambini fatela indossare anche a loro. Preparate, o fate preparare dai ragazzi dei cartelloni, portatevi fischietti, e qualsiasi cosa che possa fare rumore, nel frattempo sarà convocato un Consiglio ad horas e sarà depositata la richiesta di autorizzazione alla manifestazione spontanea. Coraggio, è tempo di far sentire la nostra voce!