Maltrattamenti sui bimbi dell’asilo: manca l’impianto di fonoregistrazione, salta il processo contro la direttrice e le maestre della scuola “Piccole pesti”

16 Settembre 2022 - 20:21

È accaduto nel corso dell’udienza del procedimento con rito abbreviato a carico della direttrice Francesca Merola e delle maestre Valeria Eliseo ed Anna Lucia Spina della scuola privata “Piccole pesti”

CASAPULLA Non c’è l’impianto di fonoregistrazione e salta il processo che vede imputate le maestre della scuola “Piccole Pesti” di Casapulla. È accaduto nel corso dell’udienza del processo con rito abbreviato a carico della direttrice Francesca Merola e delle maestre Valeria Eliseo ed Anna Lucia Spina, accusate di maltrattamenti nei confronti dei piccoli alunni. Ora si tornerà in aula alla fine di settembre.

É inquietante il quadro che si è delineato nel corso dell’indagine dei carabinieri della stazione di San Prisco riguardo i maltrattamenti avvenuti sui piccoli alunni della scuola privata “Piccole

Pesti” a Casapulla. Secondo quanto evidenziato dal gip “le tre donne si sono rese responsabili di maltrattamenti aggravati, reiterate condotte di violenza fisica e psicologica e gravi omissioni nella cura e assistenza dei bambini tutti tra i 2 e i 6 anni. Condotte tali da ingenerare nei bambini uno stato di profondo timore e paura. Le tre imponevano ai piccoli punizioni umilianti o non rispettavano le più regole igiene durante la somministrazione dei pasti o il cambio dei pannolini”.
 Le indagini dei carabinieri  coordinate dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere sono state avviate su segnalazione dei genitori di un piccolo alunno e grazie all’ausilio di filmati e di intercettazioni ambientali i militari  sono riusciti a ricostruire gli episodi di violenza fisica e psicologica subiti dai piccoli alunni.