Al Comune di MARCIANISE nessun dipendente è un “facchino”. 1220 euro per trasferire ufficio da un piano all’altro

24 Gennaio 2023 - 12:00

MARCIANISE – La lettura dell’albo pretorio degli enti locali, che questo giornale pratica quotidianamente, riserva anche delle scoperte curiose.

È il caso di questa determina del Comune di Marcianise (pubblicata in calce), che descrive una situazione verificatasi di recente nel municipio di Piazza Umberto I.

L’Ambito C05 dei Servizi Sociali, di cui Marcianise è capofila, ha recentemente assunto 11 assistenti sociali. 6 di questi sono stati assegnati al Comune di Marcianise.

Uno di essi – si legge in determina – collaborerà con l’Ufficio di Piano che, nella sua attuale collocazione, impedisce l’allestimento di una quarta postazione di lavoro“.

Immaginiamo la scena: il nuovo assistente sociale arriva in ufficio e non trova spazio per sedersi e cominciare a lavorare.

Inoltre,

apprendiamo dal documento, “l’ufficio di Piano dell’Ambito C05 è allocato al secondo piano della casa comunale” e ciò “non agevola l’interazione con l’Ufficio dei Servizi Sociali”, collocato invece al primo piano.

Si decide dunque di spostare l’Ufficio di Piano al livello inferiore. Ciò significa trasferire fascicoli e arredi (per deduzione, tre scrivanie e qualche altro oggetto di mobilio) dal piano di sopra a quello di sotto, in sostanza. Ma chi lo fa?

Nessun

dipendente – leggiamo ancora in determina – è tenuto al “facchinaggio”.

Il Comune di Marcianise ha dunque affidato il compito alla Ja.Ma. International srls, sede legale in via San Giuliano a Marcianise, che ha operato il trasloco per la modica cifra di 1220 euro.