Augusto La Torre condannato per un duplice omicidio

MONDRAGONE – E’ stato condannato a 18 anni di carcere, dal giudice per l’udienza preliminare del tribunale di Napoli Tommaso Perrella, il boss Augusto La Torre.

Si tratta del processo relativo al duplice omicidio di due cugini di Sparanise, Teodoro e Osvaldo De Rosa, ammazzati nel giugno 1990.

Chiuso, in questo modo, il processo celebrato con rito abbreviato: accolta la richiesta di condanna del pubblico ministero. La Torre è accusato di essere il mandante del delitto e di aver partecipato all’azione criminale, anche se non sarebbe stato lui a sparare. Disposto anche il risarcimento per gli eredi.