CORONAVIRUS. CAMPANI TRUFFATI. Abbiamo scoperto la parolina magica con cui De Luca e i suoi stanno disinformando i cittadini sui dati dei positivi

26 Marzo 2020 - 17:34

CASERTA (gianluigi guarino) – A volte, si lavora su contenuti complessi, molto complessi, e pure se ne riesce a venire a capo, impegnandosi nello studio e nell’analisi con durezza e concentrazione. Altre volte, la soluzione è lì, a portata di mano, e uno non la vede. Cerchiamo da giorni la prova definitiva della falsità sostanziale, quantomeno dell’assoluta non trasparenza, dei dati della regione sui positivi al coronavirus e sui tamponi praticati.

Stamattina ci siamo andati vicini. Come si suol dire, fuochino. Ma non ci siamo arrivati fino in fondo, chiedendoci e chiedendo ancora una volta, senza ottenere risposta, come si faceva ad affermare che quei numeri riguardavano il tal giorno dato, se ormai risulta chiaro che per avere il primo esito di un tampone, dopo l’ingolfamento frutto di una pessima programmazione del lavoro, da parte di De Luca e della sedicente Unità di crisi, occorrono minimo 3 giorni, se tutto va bene. Quella contestualità temporale, vera apparenza mai precisata, mai spiegata da De Luca e dall’unità di crisi, era ai nostri occhi, già stamattina, improponibile, fasulla. E invece, i furbetti della Regione, che queste cose le sanno fare bene, perché quando c’è da organizzare qualche operazioncina delle loro fanno mettere a posto le carte come pochi al mondo, hanno scritto una parolina ben precisa. Oddio, prima di inserire o confermare tale parolina hanno “debitamente” cancellato l’indicazione dei negativi ospedale per ospedale.

Così scrivono nello pseudo report di ieri sera: “presso l’ospedale Cotugno di Napoli sono stati esaminati 234 tamponi di cui 21 positivi“.

Esaminati. E-SA-MI-NA-TI.

Ecco la chiave dell’imbroglio: loro non ti dicono che quei tamponi sono stati prelevati il giorno 25 marzo e hanno dato un esito positivo o negativo. Loro, i nemici del popolo (per l’occasione, ci vogliamo concedere un’espressione bolscevica) ti dicono che quelli sono i dati del 25 marzo, ma i tamponi sono quelli genericamente esaminati. Dunque, si tratta di materiale risalente a due, tre, quattro giorni o addirittura ad una settimane prima.

I coglioni dei campani, compresi noi che per giorni e giorni abbiamo ritenuto che su quei dati si potessero costruire curve e diagrammi epidemiologici, assimilano informazioni assolutamente fasulle.

Perché se tu, De Luca, mi dici che ieri si sono registrati 110 casi di positività, io cittadino, ma anche io epidemiologo, do per scontato che quelli siano veramente i dati che fotografano la situazione del contagio del giorno 25 marzo. Al contrario, gaglioffi che non siete altri, voi inserite nei 110 di ieri, tamponi fatti il 18, il 19 o il 20 marzo. Per cui, l’unico dato che ha un minimo di accettabilità, quand’anche parziale proprio a causa della lentezza delle analisi dei tamponi, è quello dei positivi complessivi, che ieri sera erano 1309. Il resto conta zero.

Perché quando tra poco usciranno i dati di oggi, 26 marzo, noi non potremo sapere a che punto è, nel momento dato, l’evoluzione dell’epidemia, in modo da ipotizzare un picco o un punto di caduta che ci permetta anche di fare qualche proiezione sul tempo di reclusione che attende i campani.

Vedete, noi stamattina abbiamo fatto nostre le 10 domande (LEGGILE QUI) che il bravissimo collega di Basilicata24h Michele Finizio ha formulato all’Unità di crisi di quella regione. Se non riceveremo risposta, tale richiesta la pubblicheremo giornalmente, inserendo nel titolo il tempo trascorso dalla formulazione della stessa, senza che l’istanza abbia trovato riscontro.

QUI SOTTO IL COMUNICATO DI QUESTA MATTINA

#CORONAVIRUS, AGGIORNAMENTO

L’Unità di Crisi della Regione Campania informa che sono pervenuti i seguenti dati:
– presso l’ospedale Cotugno di Napoli sono stati esaminati 234 tamponi di cui 21 positivi;

– presso l’ospedale Ruggi di Salerno sono stati esaminati 101 tamponi di cui 15 positivi;
– presso l’ospedale San Paolo di Napoli sono stati esaminati 40 tamponi di cui 8 positivi;
– presso la Federico II di Napoli sono stati esaminati 20 tamponi di cui 5 positivi;
– presso l’ospedale Sant’Anna di Caserta sono stati esaminati 116 tamponi di cui 9 positivi;
– presso l’ospedale Moscati di Avellino ha esaminato 121 tamponi di cui 9 positivi

Pertanto nelle sessioni del pomeriggio sera sono stati esaminati 632 tamponi di cui 67 positivi

Positivi di oggi: 110
Positivi complessivi: 1309
Test complessivi: 8667