Salernitana, nodo cessione risolto sul filo di lana: cosa accadrà ora?

7 Gennaio 2022 - 10:10

Dopo giornate di forte trepidazione per la tifoseria granata e non solo, sembra definitivamente risolta la problematica legata alla cessione della Salernitana e, di conseguenza, alla possibilità di proseguire il campionato di serie A senza ulteriori rischi. Con l’arrivo della nuova società guidata da Danilo Iervolino, l’obiettivo dovrà dunque essere solo quello di tentare il tutto per tutto per mantenere la categoria: ma quali possibilità ha davvero la squadra? E cosa ci si potrà attendere dal mercato di riparazione?

Iervolino salva la A, almeno per ora

Il rischio maggiore per la Salernitana in queste settimane è stato quello di essere definitivamente esclusa dal campionato di massima serie e di dover ripartire, nella migliore delle ipotesi, dalla Lega Pro, nel caso in cui non si fosse trovato un acquirente in grado di prendere il posto del duo Lotito-Mezzaroma. Una questione gestita in maniera confusa dagli stessi organi istituzionali sin dalla scorsa estate, quando con la promozione in A tutti i nodi della multiproprietà erano già venuti al pettine, ma che oggi con l’accettazione della proposta di Danilo Iervolino rappresentano già solo un brutto ricordo.

Il primo “miracolo” dell’imprenditore di Palma Campana, fondatore di Unipegaso, è dunque quello di dare a Salerno e ai suoi tifosi una nuova speranza e ancora qualche mese nel maggiore campionato italiano, ovviamente con l’obiettivo già dichiarato di fare il tutto per tutto per tentare di risalire la china, vista anche la classifica piuttosto corta in coda. L’inizio di stagione disastroso dei granata pare, al momento, non lasciare grandi speranze di salvezza per l’undici guidato da Colantuono, come d’altronde già da settimane certificano le quote calcio dei principali analisti del settore sportivo, tuttavia l’arrivo di una nuova società potrebbe aprire nuovi scenari. Ed è proprio in tal senso che il nuovo presidente intende muoversi in tempi brevi.

A caccia di un nuovo direttore sportivo e di rinforzi di categoria

Le prime mosse di Iervolino, in attesa che la pratica relativa all’acquisizione societaria venga portata a termine nei prossimi giorni, mirano alla discontinuità col passato, un intento visto particolarmente di buon occhio dalla tifoseria granata che, nonostante il risultato calcistico, in questi anni non ha mai provato simpatia per l’operato di Claudio Lotito. Ecco dunque l’intenzione di rifondare società e squadra, per tentare un vero e proprio assalto alle dirette concorrenti per la salvezza.

Le prime indiscrezioni parlano di un neopresidente già all’opera per cercare di portare a Salerno un ds di comprovata esperienza su piazze importanti (il portale Tuttomercatoweb fa il nome di Giorgio Perinetti), per poi andare a ritoccare la rosa con innesti di valore. La formazione a disposizione di Castori prima e di Colantuono poi non si è mai mostrata all’altezza della categoria e ha purtroppo risentito delle problematiche societarie, che già in estate hanno limitato fortemente la campagna acquisti.

Pur restando nel campo delle ipotesi e delle voci di corridoio, alcuni siti di settore come Tuttosalernitana.com già si sbilanciano con i primi nomi: tornerebbero calde, per esempio, le piste legate ad alcuni calciatori di cui già si è parlato a inizio stagione, come Viola, Chabot e Caceres, ormai in rotta con il Cagliari, mentre più suggestive sono le idee Destro, dato in partenza dal Genoa, o addirittura di Sebastian Giovinco, nomi di spessore per una piazza oggi ancora più calorosa.