La salute mentale in Campania: dati e misure del governo

14 Luglio 2022 - 14:50

In Europa sono molte le persone a soffrire di disturbi psicologici. Specialmente i più giovani
sono più fragili e più soggetti a reagire negativamente agli eventi spiacevoli della vita.
Vediamo assieme la situazione in Europa e, più in particolare, in Italia e in Campania e quali
misure sono state attuate quest’anno dal governo per contrastare il malessere psicologico.
I dati europei
In Europa sono 9 milioni gli adolescenti che soffrono di problemi psicologici. La cifra in Italia
ammonta a un milione. Le nazioni con la percentuale più alta di adolescenti con difficoltà
psichiche sono la Spagna (20,8%), il Portogallo (19,8%) e l’Irlanda (19,4%). La pandemia di
COVID-19 ha acuito questa situazione. Infatti, l’isolamento e le tensioni in famiglia o nel
cerchio di amicizie hanno portato a un aumento generale della sofferenza psicologica.
La

situazione in Campania
La Campania è una regione all’avanguardia per quanto riguarda la salute mentale. Basti
pensare che è la prima Regione d’Italia ad aver istituito lo psicologo di base con la Legge
Regionale del 3 agosto del 2020, n. 35, entrata in vigore dopo l’ok della Corte Costituzionale
del 12 dicembre 2021. Tra il 2022 e il 2023, infatti, sono previste nuove assunzioni di
psicologi e psichiatri come liberi professionisti per l’Azienda Sanitaria Locale (ASL). Essi
collaboreranno a rapporto convenzionale con le strutture sanitarie. In questo modo, si vuole
contrastare il peso crescente dei disturbi psicologici della popolazione e promuovere il
benessere psicologico della popolazione, specialmente quella più giovane.
Il
bonus psicologo

La misura del governo più potente per promuovere il benessere psichico e combattere i
disturbi d’ansia o del comportamento è il bonus psicologo. Il bonus psicologo aiuta la
popolazione a sostenere le spese per un percorso psicoterapeutico, sia esso fatto in
presenza o online. Si tratta di un vero e proprio aiuto finanziario dedicato a chi soffre di
difficoltà emotive e desidera superarle, non potendo permettersi da solo una psicoterapia.
Per richiedere il bonus psicologo sarà necessario presentare domanda in maniera telematica
su una pagina dedicata sul portale INPS. Per accedere saranno necessarie credenziali sotto
forma di carta d’identità elettronica, SPID o Carta nazionale dei servizi. Il bonus sarà
riconosciuto una sola volta a favore dell’utente con un reddito ISEE non superiore a 50mila
euro. Si parla di un contributo di fino a 50 euro per ogni seduta di psicoterapia. A beneficiare
maggiormente dell’agevolazione saranno i cittadini con ISEE più basso. A seconda del livello
ISEE, il beneficio potrà essere con importi di 200, 400 o 600 euro. L’assegnazione del bonus
psicologo sarà garantita in base all’ordine di arrivo delle domande. Si potrà scegliere
liberamente il professionista più adatto tramite la piattaforma, dopo averne verificato la
disponibilità e il costo per seduta. L’INPS poi comunicherà al beneficiario i dati della

prenotazione. Lo psicoterapeuta, dopo aver erogato la propria prestazione, emetterà fattura
intestata al beneficiario del bonus e la inserirà nella piattaforma INPS con i seguenti dati:
data, numero di fattura, importo e codice univoco del beneficiario. Come già specificato, la
terapia potrà effettuarsi comodamente online, ad esempio scegliendo gli psicologi migliori
direttamente sul sito di Serenis, oppure di persona presso lo studio del terapeuta. Il
potenziale beneficiario potrà scegliere il professionista più adatto basandosi su criteri
oggettivi come recensioni, prezzo e indirizzo terapeutico. Con le suddette misure il governo,
sia regionale che nazionale, fa una mossa concreta per combattere il malessere psicologico e
per migliorare il servizio sanitario offerto ai cittadini.