Ad Script

LE FOTO CASERTA. La vergogna dell’arco borbonico: uno per uno, tutti i guai della porta del Belvedere di San Leucio

27 Agosto 2018 - 18:30

CASERTA – Nella giornata di ieri, domenica, abbiamo scritto un commento, dando contemporaneamente la notizia (CLICCA QUI) della situazione altamente precaria in cui versa l’arco Borbonico, cioè la porta d’ingresso al Belvedere di San Leucio.

Tutto il male che pensiamo di questa sotria e del suo inserimento nel contesto parolaio delle ipocrite indignazioni susseguenti alla pubblicazione della comica guida Feltrinelli, lo abbiamo scritto proprio nella nota appena citata.

Oggi dobbiamo spiegare, nel dettaglio, perchè l’arco borbonico rischia di fare una brutta fine. Premettiamo che il Belvedere è un bene gestito dal Comune di Caserta, che fa bla-bla con Feltrinelli e che contemporaneamente mette in pericolo una delle sue vestigia più prestigiose.

Ma veniamo al dettaglio:

  • si è staccata la protezione in calcestruzzo d’epoca che difendeva le staffe di ferro degli elementi che garantiscono la tenuta dello stemma;
  • i frammenti di detta protezione si sono depositati sul piano superiore del portale di accesso alla Colonia, rischiando di cadere e ferire i passanti, soprattutto nei giorni di pioggia e forte vento;
  • un vero e proprio albero di fico, ha ormai lesionati e spostati i conci di raccordo e di tenuta della struttura superiore;
  •  in una delle cornucopie simbolo di “terra di lavoro”, contenenti frutta scolpita nel travertino, ha ormai germinato altro piccolo di fico;
  • altresì desta preoccupazione la tenuta della stessa corona reale che sovrasta lo stemma borbonico, come da foto fuoriescono le staffe di ferro danneggiate dalla cattiva manutenzione.