CASERTA. Il Liceo Diaz vola nel mondo e vince tutto: sei menzioni d’onore al concorso internazionale “Trust for sustainable living”. TUTTI I NOMI DEGLI STUDENTI PARTECIPANTI

CASERTA – Il Diaz vola nel mondo e vince tutto! Infatti la dimensione internazionale del Diaz anche quest’anno  si afferma in Finlandia con l’ ERASMUS+ KA2 /2016-2019, “LEADING LIGHTS IN EUROPE” e nel  prestigioso  concorso proposto a livello globale e indetto dal “Trust for sustainable living”  con sede nel Regno Unito,  finalizzato all’elaborazione di un saggio in lingua inglese sulla Sostenibilità a livello globale: due appuntamenti che raccontano il Diaz nel mondo.

Dopo ben quattro affermazioni a livello mondiale, il Diaz  ha ottenuto al “Trust for sustainable living” ben sei menzioni d’onore, Claudia Leone 4D( sede centrale)  Federica Marra 4D,  Francesca Tamburrino  4D e  Marina Nespoli  4C della sede centrale, Sonia Del Vecchio 3E e Fabio Liguori   3B della sede di S.Nicola., e due  finaliste con Francesca De Nicola e Michelina Pia Canzano  entrambe della 3D (sede centrale), tutti ammessi alla finale in Canada . Hanno vinto contro competitor , per la maggior parte di Lingua Inglese, con le loro idee sul ruolo che i giovani possono svolgere nel preservare e gestire la vita sulla Terra.

“Questo attesta – ha affermato il Preside Luigi Suppa – quanto il liceo Diaz sia impegnato nella formazione di intelligenze critiche, attente alla legalità e all’ambiente, capaci di far valere le loro proproste a livello globale distinguendosi tra ben mille partecipanti e gareggiando in lingua inglese. Il Diaz unica scuola italiana ammessa! Bravi gli alunni- ha concluso il preside Suppa- ma, devo dire che tutto questo è possibile anche grazie all’impegno e alla competenza dei docenti  Antonella Maggi , Anna Colantonio,  Francesco Barbato e Ira Capotorto e  del Dipartimento di Lingua Inglese”

A vanto del Dipartimento di Inglese del Diaz, anche il successo ottenuto dai due alunni  che hanno portato  l’Italia  al  meeting  Finlandese ,  Daniele Milite, classe 3E della sede centrale, Mariapia  Buonomo, classe 3 A della sede associata di San Nicola La Strada,  che, a  OULU, in Finlandia,hanno incantato la platea di otto scuole del  Galles ( Uk ),  Francia,  Spagna, Portogallo, con i loro lavori sul problema della discriminazione e dell’affermazione dei Diritti Umani.( apri i link per i filmati: https://www.youtube.com/watch?v=OmBXnTKhPTM&feature=youtu.be  https://www.youtube.com/watch?v=MxFDkPdv6Wc&feature=youtu.be)

Il progetto, il cui nome in italiano significa “luci guida”,   ha l’ obiettivo   di accendere una luce ,su tutte le forme  di  discriminazione  e  di  pregiudizio:

Queste affermazioni – ha dichiarato il Preside Luigi Suppa – sono in linea con quanto, trasversalmente a tutta la didattica, stiamo realizzando da anni, rendere consapevoli i ragazzi di quanto sia importante combattere la discriminazione e come il pregiudizio possa essere l’humus di tante illegalità. Non posso che essere soddisfatto di questi successi che il Diaz ottiene anche in campo internazionale grazie agli alunni e ai docenti che non hanno esitato ad accompagnarli per tre anni consecutivi a questi importantissimi traguardi”

I lavori del meeting finlandese che hanno visto protagonisti gli alunni del Diaz ,si sono svolti in  due scuole  superiori della città di Oulu: “Svenska Privatskolan” e “Laanila High School “ dove accolti dai presidi  Sampo  Backman  E Timo Karkkainen. Gli alunni e i docenti hanno partecipato ad un intenso programma di conferenze sulla situazione dei migranti in Europa, dibattiti sul  concetto  di  minoranza  e  di  equita’/uguaglianza, ma anche  approfondimenti sulla storia della  lingua e  della  cultura  finlandese  e  svedese e sul sistema scolastico dei due Paesi.

Un’esperienza formativa e non solo, che sicuramente sarà, per i ragazzi, indimenticabile, come ha scritto Daniele Milite nella sua relazione: “How could I possibly describe such an experience using only few words? It was a wonderful and educational experience and I  would love to repeat it again soon.”