USURA E CAMORRA. Ecco a quanti sono stati condannati Eremigio Musone, Maddalena Delli Paoli & Co

13 Luglio 2018 - 18:04

MARCIANISE- (T.P.) E’ terminato il processo in appello per usura a carico di cinque persone collegate al clan Belforte. Questa mattina la sentenza dalla quarta sezione di Appello di Napoli, presidente Maddalena. Otto anni e sei mesi la pena per Eremigio Musone, figlio del boss Vittorio, detto Mino, detenuto al 41bis. Stava partendo, Musone jr, per Amsterdam, quando i finanzieri lo arrestarono due anni fa nel corso di un controllo di routine all’aeroporto di Capodichino. Un anno e quattro mesi a Angelo Musone; sei anni a Maddalena Delli Paoli cognata di Musone e madre del giovane Simmaco Zarrillo, difeso dall’avvocato Massimo Trigari, andato assolto. Il marito della donna è Francesco Zarrillo, uno degli elementi apicali del clan Belforte.

id="more-19830">Assolta anche Annamaria Aduleia, anch’ella difesa dall’avvocato Massimo Trigari. Le vittime oltre a sborsare cifre esorbitanti per i prestiti ottenuti sarebbero state costrette anche ad intestarsi beni degli indagati per evitare loro gli accertamenti fiscali. Nel collegio difensivo anche gli avvocati Angelo Raucci e Stefano Martone.